Kayenna network - click to join 
Kayenna.net - clicca per l'ARCHIVIO NOTIZIE

A+ A A-

Denuncia contro violenza e omofobia domestica nel nuovo video delle Calypso Chaos

Nel nuovo singolo “Chi Non Dice l’Amore” della band femminile Calypso Chaos si racconta una storia scomoda e purtroppo sempre più attuale di violenza e omofobia domestica. L’attrice Elisabetta De Vito,candidata ai David di Donatello per il film “Non Essere Cattivo” è la protagonista del nuovo videoclip

Roma, 23 agosto 2016 – Le Calypso Chaos, band tutta al femminile, debuttano con il singolo “Chi Non Dice l’Amore” e scelgono un cast d’eccezione per il proprio videoclip. L’attrice Elisabetta De Vito, che ha vestito i panni della madre di Luca Marinelli alias Cesare, nel film “Non Essere Cattivo” di Claudio Caligari, anche stavolta si cimenta con un personaggio complesso e sorprendente: una donna ormai adulta che si ritrova a fare i conti con il proprio passato, figlio di scelte sbagliate condizionate dalla presenza morbosa e violenta del padre (interpretato dall’attore Ciro Scalera), il quale le ha proibito di vivere liberamente la vita che avrebbe voluto.

Laura Avallone, cantante e front woman delle Calypso Chaos, alle prese per la prima volta con la sceneggiatura di un videoclip ha infatti dichiarato: “La discriminazione vera, quella più pericolosa, inizia e spesso trova il suo più basso e violento compimento tra le mura di casa, nell’ambiente che dovrebbe proteggerci dall’esterno, quando le mani di chi dice di amarci sono le stesse che ci rovinano la vita.”                                                                

Un punto di vista schietto e disincantato quindi, un’accusa senza mezzi termini alla famiglia tradizionale che se nell’immaginario collettivo rappresenta ancora l’unica alcova perfetta all’interno della quale crescere figli, in realtà, come ci testimoniano i fatti di cronaca più recenti, è spesso teatro di violenze quotidiane e di discriminazioni, soprattutto quando i figli non rispettano le aspettative dei genitori.

“Questo video è dedicato alle migliaia di donne che tutti i giorni subiscono violenze familiari a causa delle proprie scelte o delle proprie diversità”, ha proseguito Laura Avallone: “Nel caso specifico raccontiamo la storia di una ragazza innamorata di una sua collega di Università con la quale non può vivere liberamente la propria storia d’amore a causa dell’ingerenza violenta del padre, arrivando persino a sposarsi pur di compiacerlo”.

Un ritratto purtroppo realistico e disincantato, che obbliga lo spettatore ad una riflessione profonda su uno degli stereotipi più radicati della nostra società.

“E’ chiaro che non vogliamo fare di tutta un’erba un fascio, non tutte le famiglie sono così, ma purtroppo il numero di uxoricidi, di violenze sessuali e i casi di stalking che popolano l’attuale cronaca, stanno crescendo in maniera preoccupante. Le donne e gli omosessuali in particolare sono ad oggi le categorie più colpite da atteggiamenti discriminatori a partire dalle mura di casa fino all’ambiente lavorativo, e non è raro che in alcuni casi si sia arrivati al suicidio. Come donne e come artiste, ci siamo sentite in dovere di porre l’accento su questa questione, nella speranza che la nostra canzone e il nostro video siano di ispirazione per quanti vogliano riappropriarsi della propria vita perché non è mai troppo tardi per essere felici” ha concluso la cantante delle Calypso Chaos.

Prodotto in collaborazione con Fabrizio Federighi, storico produttore della Bandabardò, per la neonata etichetta indipendente Deep Side Music, “Chi Non Dice l’Amore” è il singolo che anticipa l’album delle Calypso Chaos in uscita a fine 2016, album che promette sorprese e spunti di riflessione da prospettive insolite, atteggiamento tipico di queste quattro musiciste romane che sembrano proprio non aver timore diribaltare gli stereotipi e di affrontare a viso aperto le contraddizioni dell’attuale mercato discografico  “pop mainstream”.

Leggi tutto...

Eugenio Bennato: talk e concerto a Cetara

Doppio appuntamento imperdibile a Cetara, in Costiera amalfitana, giovedi 25 agosto con “Cetara, cuore mediterraneo”, che coniuga un momento di riflessione sulla cultura mediterranea con una vera e propria festa, che ha come protagonista il noto cantautore Eugenio Bennato. “L’evento ‘Cetara, cuore mediterraneo’ inizia alle ore 18,30 alla Torre Vicereale con un talk sulla cultura mediterranea, al quale parteciperanno Eugenio Bennato, interprete indiscusso della canzone mediterranea; Sebastiano Maffettone, presidente della Fondazione Ravello e consigliere per la cultura del governatore della Campania Vincenzo De Luca; Enza Cobalto assessore alla cultura di Amalfi; Giovanni Del Vecchio assessore alla cultura di Cava de’ Tirreni; l’avvocato Costantino Montesanto, autore del libro ‘Cetara sponda del Mediterraneo’, moderati dal giornalista Emiliano Amato, direttore de ‘Il Vescovado’. Una scelta importante per parlare di cultura e di sinergie sul territorio, immaginando possibili percorsi itineranti tra i comuni limitrofi. Al talk non poteva mancare Bennato, un personaggio che è da sempre testimone della cultura mediterranea nel mondo. L’appuntamento prosegue in serata, in Largo Marina, alle ore 21, con l’evento clou dell’estate, il concerto gratuito di Eugenio Bennato al quale invito tutti a partecipare numerosi” ha detto l’assessore alla cultura e al turismo Angela Speranza. Il concerto di Eugenio Bennato fa parte del tour 2016 che prende il titolo dall’ultimo album dell’artista, uscito a gennaio 2016, ‘Antologia 2016 – Canzoni di Contrabbando’ in cui il cantautore presenta una raccolta dei suoi successi e l’inedito: ‘Mon père et ma mère”.

Leggi tutto...

'Folebaixo duo' in concerto a Salerno

Folebaixo è un duo strumentale brasiliano, formato dal produttore musicale, compositore, bassista e chitarrista Marcelo Pereira e dalla fisarmonicista e tastierista Marina Camargo. Si tratta di un progetto di musica ambient e musica elettronica d'autore che unisce musicisti con strumenti tradizionali combinati con editing audio e software di produzione. Il duo si ispira aila musica da ballo del sud del Brasile come la milonga, la chacarera e chamamé ed è influenzato dal tango argentino.
I brani trasmettono l'atmosfera delle caratteristiche sale di musica strumentale brasiliana, ogni spettacolo, grazie alla sempre diversa interazione tra gli strumenti e le manipolazioni sonore, diventa una performance unica, ricca di improvvisazioni. Il concerto del duo Folebaixo più che musica dal vivo è musica viva.

Nel 2014 il duo è stato selezionato dal progetto World Spirito per rappresentare il Brasile al Festival nostro gioco a Vienna, Austria.

Nel 2015 ha pubblicato il suo album "Lounge"
Il disco è stato nominato tra i Top 100 Album di musica brasiliana nel 2015 da parte del sito Embrulhador.

il 13 Luglio 2016 alle ore21.30
presso lo Studio Sant'Apollonia in Via San Benedetto.
Un progetto internazionale curato dalla Fondazione Alfonso Gatto*,  dal partner'Espírito Mundo' e da Valeriano Forte.
UNO SPETTACOLO da non perdere!

*L'evento rientra nel programma di iniziative per il quarantennale della morte di Alfonso Gatto. Con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e del Comune di Salerno.
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS