Kayenna network - click to join 
Kayenna.net - clicca per l'ARCHIVIO NOTIZIE

Avviso
  • IMAGESIZER_ERR_ACCESS
A+ A A-

Digital transformation e colloqui da remoto: 6 consigli per le aziende

 Fino a qualche mese fa i colloqui da remoto, realizzati mediante videocall, erano una rarità, un’opzione utilizzata solo in particolari i casi, e unicamente da aziende e da agenzie che avevano saputo prendere di petto la digital trasformation.

L’emergenza sanitaria internazionale ha però rivoluzionato in modo importante anche il mondo della ricerca e selezione del personale, mettendo al centro dei processi proprio la tecnologia video per il recruiting dei migliori talenti. E se da una parte i candidati hanno dovuto ripensare le migliori tecniche e i più efficaci approcci per affrontare un colloquio da remoto, dall’altra parte anche le aziende, abituate a effettuare delle interviste in presenza, si sono trovate costrette ad adattarsi alla situazione.

«Lo strumento della videocall resterà indubbiamente una parte integrante del processo di selezione del personale, ben oltre le esigenze dettate dalla gestione dell’emergenza sanitaria» spiega Carola Adami, head hunter e CEO della società  di selezione di personale qualificato Adami & Associati (www.adamiassociati.com).

«Di fatto le esigenze di distanziamento sociale, da questo punto di vista, hanno velocizzato un processo già avviato all’interno del settore del recruiting, andando a sottolineare i vantaggi, in molti casi, di effettuare dei colloqui da remoto, con benefici concreti sia per l’azienda che per i candidati», spiega ancora l’head hunter.

Ma in che modo vanno organizzati i colloqui da remoto da parte dei recruiter? Come è possibili gestirli al meglio, così che le interviste a distanza abbiano la medesima efficacia dei classici colloqui di lavoro in presenza?

Carola Adami ha sottolineato 6 linee guida da seguire, per eseguire al meglio un colloquio di lavoro a distanza.


LE 6 LINEE GUIDA PER COLLOQUI DI LAVORO DA REMOTO DI SUCCESSO

1- Istruire il candidato

Nel momento in cui si contatta un candidato per fissare un colloquio di lavoro da remoto è necessario essere molto precisi, con una serie di indicazioni pratiche volte a preparare il terreno per un’intervista fluida ed efficace. È dunque necessario condividere con anticipo le necessarie informazioni relative alla piattaforma per videochiamate che verrà utilizzata, all’uso di cuffie e microfoni e via dicendo.

2- Preparare l’hardware

Non solo il candidato deve prepararsi al meglio per affrontare il colloquio di lavoro. Anche chi condurrà l’intervista da remoto deve fare lo stesso, controllando la connessione, la carica del dispositivo, il funzionamento di videocamera e microfono. Sono da preferire, in ogni caso, computer desktop e portatili, affidandosi a dei dispositivi mobili solo quando non è possibile fare altrimenti.

3- Fare un test

Prima di avviare i colloqui da remoto è necessario effettuare dei test, per individuare la presenza di eco o il corretto posizionamento della videocamera del pc. A questo proposito, quest’ultima va posizionata in modo che sia visibile il mezzo busto dell’intervistatore. È da evitare, invece, il posizionamento troppo vicino della videocamera.

4- Guardare in camera

Per analizzare il candidato intervistato il selezionatore deve studiare anche la sua gestualità e le sue espressioni, prendendo quindi in considerazione anche il linguaggio del suo corpo. Ciononostante, in alcuni precisi momenti è bene staccare lo sguardo dallo schermo per puntarlo invece verso la videocamera – posta abitualmente subito sopra: in questo modo si potrà dare al candidato l’impressione di guardarlo dritto negli occhi.

5- Lo sfondo giusto

Per una videochiamata il più possibile efficace è fluida sono da evitare gli sfondi “classici”, come per esempio le librerie: per fare in modo di restituire un’immagine nitida e chiara è consigliabile posizionarsi di fronte a uno sfondo neutro, come per esempio una parete bianca, meglio ancora se in un ambiente illuminato con della luce naturale.

6- Ripensare le tempistiche

Fare dei colloqui di selezione da remoto significa muoversi in modo più veloce. Per programmare un colloquio in videocall non è necessario aspettare delle settimane: se infatti solitamente per affrontare un colloquio di lavoro i candidati devono ritagliarsi almeno mezza giornata libera, nel caso delle videochiamate basterà un’ora del loro tempo. Non sarà poi necessario prenotare delle sale riunioni, né programmare spostamenti. Questo significa che è possibile – e consigliabile – ripensare il ritmo del processo di selezione del personale, a tutto vantaggio di azienda e candidati.

Per saperne di più visitare il sito internet www.adamiassociati.com.

Leggi tutto...

Turismo esperienziale: la fiera Bitesp 2020 diventa digitale

Bitesp 2020, la Borsa Internazionale del Turismo Esperienziale, diventa Digital. Per contribuire al rilancio del turismo italiano, vista l’incertezza derivante dal Covid-19, gli organizzatori hanno deciso di trasferire online su piattaforma digitale, l’edizione 2020 della Bitesp – Borsa Internazionale del Turismo Esperienziale.

Prende così vita una manifestazione unica e innovativa, la Bitesp Digital, a disposizione di tutti gli operatori per promuovere  la propria struttura turistica, online dal 23 al 30 novembre 2020, tramite il sito web www.bitesp.it.

L’evento permette di incontrarsi e fare business in sicurezza, offrendo agli utenti un’esperienza digitale completa e immersiva,  stando comodamente seduti alla propria scrivania.

Alla fiera possono partecipare buyer nazionali e internazionali, tour operator, agenti di viaggio, strutture ricettive, consorzi turistici, fornitori di esperienze, etc., e tutti gli operatori interessati a definire nuovi accordi commerciali nell’ambito del turismo esperienziale.

Tutto nasce dal fatto che oggi il turista non cerca più solo località o territori da visitare, ma “esperienze uniche da vivere”.

E così la Bitesp Digital è dedicata all’innovazione del prodotto turistico e alle vacanze esperienziali, diventando un’occasione importante per lo sviluppo commerciale del turismo.

L’evento online si svolgerà su piattaforma digitale, organizzata in ogni minimo dettaglio e utilizzabile in modo semplice e funzionale. Per accedere ogni operatore turistico o utente web dovrà registrarsi per collegarsi con il computer o qualsiasi altro device.

L’utente web, entrando sulla piattaforma visualizzerà una mappa interattiva con tutte le indicazioni per visitare le due aree della manifestazione, l’Area Espositiva e l’Area Workshop.

Come in una fiera dal vivo, nell’area espositiva gli espositori avranno il loro stand virtuale e incontreranno i visitatori per promuovere le offerte turistiche. I visitatori potranno entrare liberamente negli stand virtuali e visionare le proposte  turistiche, con il supporto di strumenti multimediali per comunicare con la chat, vedere video, fotogallery, richiedere informazioni e fissare incontri live.

Nell’area dedicata al workshop online, i Sellers incontreranno Buyers nazionali e internazionali, per ricercare nuovi partners e definire accordi commerciali nell’ambito del turismo esperienziale, dell’incoming e dell’outgoing. Con il workshop che viene organizzato con un’agenda di appuntamenti prefissati.

La manifestazione realizzata sul web, sarà in grado di generare lead qualificati di operatori e sarà ampliata la possibilità di contatti con nuovi clienti, allargando il target di riferimento e la fascia di mercato.

Leggi tutto...

VISIONI DAL PONTE Presentazione online del volume Screendance di Alessandro Amaducci (ed. Kaplan)

Prosegue online “Visioni dal Ponte”, il ciclo di incontri che, organizzato da AIACE Torino con la libreria Il Ponte sulla Dora, costituisce un’occasione di approfondimento e riflessione su diversi aspetti del cinema attraverso la presentazione delle più recenti uscite editoriali, commentate da esperti e professionisti del settore.
Promosso in collaborazione con il corso di laurea in DAMS - Università degli studi di Torino e con l’Associazione Coorpi, il prossimo appuntamento, in streaming martedì 30 giugno, alle ore 18.30, sarà dedicato alla presentazione del volume Screendance. Sperimentazioni visive intorno al corpo tra film, video e computer grafica. Scritto da Alessandro Amaducci, docente presso il DAMS di Torino e videoartista, il libro, da poco pubblicato dalle Edizioni Kaplan, esamina la screendance, la “danza su schermo”, soffermandosi soprattutto sulle sue varie articolazioni tecnologiche (film, video analogico, video digitale, computer grafica) e sulla sua diffusione in altri generi audiovisivi. Dal cinema di danza alla videodanza, dal music video al fashion movie, fino ad arrivare alle serie tv, il testo ricostruisce un ampio percorso storico analizzando il lavoro di molteplici artisti, registi, videoartisti che dagli inizi degli anni Venti a oggi hanno sperimentato e continuano a sperimentare l’affascinante connubio tra corpo, danza, immagine, suono e movimento.
Nel corso della presentazione online l’autore dialogherà con Alessandro Pontremoli, presidente del corso di laurea in DAMS e docente di Storia della danza presso l’Università degli studi di Torino.
L’incontro sarà concluso da Lucia Carolina De Rienzo, project manager di COORPI, che presenterà le più recenti iniziative dell'Associazione e la playlist dei film vincitori alle ultime edizioni del contest “La danza in 1 minuto”, visionabile attraverso il link fornito nell’occasione ai partecipanti all’evento.

L’appuntamento, ad accesso libero, sarà ospitato sulla piattaforma Zoom, a cui il pubblico potrà collegarsi tramite link e credenziali segnalati sui siti www.aiacetorino.it e www.ilpontesulladora.it e sui social network di AIACE Torino e della Libreria Il Ponte sulla Dora. L’incontro sarà anche diffuso in diretta sulle pagine Facebook e Instagram di AIACE Torino.

Leggi tutto...

Hackathon “Talents for Business”: la prima giornata.

Oggi, 25 giugno 2020, si è aperta la prima delle tre giornate dell’hackathon “Talents for business”.

L’ evento rappresenta la fase clou della seconda edizione della Borsa Mediterranea della Formazione e Lavoro, un’iniziativa promossa dall’associazione no-profit Centro Studi Super Sud e organizzata da Gruppo Stratego. Il format prevede tre giornate di dirette livewebinar e workshop, alla presenza di attori istituzionali e stakeholder, sulle novità introdotte a seguito dell’emergenza del Coronavirus. L’obiettivo è fornire una panoramica sul mondo della formazione e del lavoro in Campania e in Italia, nella fase post Covid.

È importante ricordare che questa lodevole l’iniziativa si sta svolgendo completamente online, proprio a causa delle misure di distanziamento sociale doverose per scongiurare le minacce della pandemia Covid ’19. Nonostante manchi il la partecipazione vis a vis degli attori, che ha caratterizzato la scorsa edizione della Borsa Mediterranea della Formazione e del Lavoro, si sta registrando un ottimo successo di pubblico ed una grande partecipazione virtuale di tutti le imprese e degli enti di formazione coinvolti.

I lavori sono partiti alle ore 9.30, in diretta streaming sulla pagina Facebook della Borsa Mediterranea della Formazione e del Lavoro, con i saluti e il benvenuto di Antonio Vitolo, CEO Gruppo Stratego, di Giovanni D’Avenia della Fondazione Centro Studi Super Sud e di Mariapia Mercurio, Presidente della Fondazione Centro Studi Super Sud. Subito dopo, si sono susseguiti i saluti istituzionali e, alle 10.30 ha preso il via la tavola rotonda incentrata sulle tematiche legate al mondo della formazione e del lavoro, con gli interventi di Michele Raccuglia Responsabile macro area Sud di ANPAL Servizi, dell’avvocato Carmelo Bifano Presidente dell’Ente Bilaterale Nazionale delle Libere Professioni, di Calogero Montante, responsabile delle risorse umane di RSM Italy e di Salvatore Mirante del gruppo Banca Sella.

Alle ore 12.00, il coordinatore dell’hackathon Edoardo Gisolfi, ha lanciato ufficialmente l’iniziativa “talents for business”, ricordando l’importanza della partnership con l’Università degli studi di Salerno, ed in particolare con gli uffici placement, rappresentati da Stefano Riemma, Delegato al Placement Università degli Studi di Salerno (area scientifica) e Paolo Diana Delegato al Placement Università degli Studi di Salerno (area umanistica).

Subito dopo si è dato il via alla presentazione delle sfide aziendali, presentate con grande entusiasmo. Il primo intervento è stato quello di Iole Preziosi, responsabile marketing e comunicazione di Grafica Metelliana S.p.A.:” abbiamo accolto con grande piacere questa opportunità che ci avete dato, siamo un’azienda molto orientata verso le Università, con le quali abbiamo attive molte collaborazioni e progetti che ci aiutano a trovare spunti e risorse preziose per l’azienda”. La sfida preparata da Grafica Metelliana prevede l’elaborazione di una strategia futura di approccio al mondo del packaging con uno specifico focus sul settore del food, in generale, e del food delivery, in particolare, settore che, più degli altri, sta vivendo un incremento dovuto al cambiamento di abitudini dei consumatori.

Secondo intervento quello di Aurelio Dente, CEO Founder Agenzia Carisma, il quale si è complimentato per l’iniziativa definendola “una macchina da guerra virtuale”, ed ha continuato: “è una sfida nella sfida, partecipiamo con Carisma, dove promuoviamo un modello innovativo che prevede un affiancamento in outsourcing per tutto ciò che concerne l’ambito assicurativo, offrendo servizi altamente specializzati alla nostra clientela”. La sfida riguarda lo sviluppo di un piano di comunicazione finalizzato alla sensibilizzazione sulla cultura finanziaria e alla promozione di un prodotto specifico per il risparmio, con un target di riferimento che racchiude i giovani tra 18 e 35 anni.

Dulcis in fundo, il lancio delle sfide aziendali si chiude con l’intervento di Carlo Mancuso, CEO I.T. Svil S.r.l.: “l’azienda è cresciuta molto negli ultimi anni, questo grazie anche una sinergia importante con l’Università degli studi di Salerno, dalla quale attingiamo molti talenti. Abbiamo partecipato anche l’anno scorso all’hackathon organizzato dalla Borse, con grande entusiasmo, e questo ci ha portato a raccogliere con enorme piacere l’invito di quest’anno.” La sfida aziendale, continua Mancuso, “parte da un’applicazione che a breve sarà operativa a Salerno, una piattaforma dedicata al commercio, che supporta i cittadini e gli esercizi commerciali nella vendita dei propri prodotti;”. Agli studenti, guidati dai coach aziendali Raffaele De Feo e Gaetano Rocco, è stato chiesto di analizzare e progettare un sistema prenotazione e gestione di risorse/servizi che sarà integrato nell’applicazione. CiShoppo, questo il nome della piattaforma, è uno strumento promotore del marketing di vicinato, attraverso il quale si valorizzano i piccoli esercizi commerciali e soprattutto le eccellenze locali, attuando un’azione di promozione territoriale, turistica e culturale.

Nel dettaglio, CiShoppo permette agli esercizi commerciali, in particolare agli esercizi di vicinato, di continuare a svolgere il proprio lavoro in sicurezza (considerando l’attuale scenario caratterizzato dall’emergenza Covid ’19) e di aumentare le potenzialità del proprio business. Oltre al servizio di shop-online, CiShoppo offre particolari features che lo differenziano profondamente dai marketplace comuni:  E-shop eccellenze locali, con la possibilità di acquisto on-line di beni che normalmente non vengono venduti tramite e-commerce, come le  specialità enogastronomiche e le tipicità locali, con garanzia della genuinità e della provenienza degli stessi; Consegna a domicilio, food delivery e ritiro concordato in sede previa definizione di un appuntamento; e infine prenotazione di servizi (appuntamenti e ingressi presso stabilimenti balneari, centri estetici e parrucchieri, personal trainer, musei, etc.). e prenotazione servizi di ristorazione.

Roberta Esposito

Leggi tutto...

Borsa Mediterranea Formazione e Lavoro 2020: evento "Talents for business", intervista al CEO di I.T.Svil

Il 22 giugno si è svolto in diretta streaming, sui canali social della Borsa Mediterranea Formazione e Lavoro, l’evento “Talents for business. Un ponte tra università e imprese”. Questo evento fa parte di una serie di approfondimenti e webinar, tutti rigorosamente online, che caratterizzano la seconda edizione della Borsa Mediterranea della Formazione e Lavoro, un’iniziativa promossa dall’associazione no-profit Centro Studi Super Sud e organizzata da Gruppo Stratego

Il format prevede tre giornate di dirette livewebinar e workshop, alla presenza di attori istituzionali e stakeholder, sulle novità introdotte a seguito dell’emergenza del Coronavirus. L’obiettivo è fornire una panoramica sul mondo della formazione e del lavoro in Campania e in Italia, nella fase post Covid.

L’evento “Talents for Business. Un ponte tra università e imprese” è stato presentato dal coordinatore dell’Hackathon, nonché presidente del gruppo servizi innovativi e tecnologici presso Confindustria Salerno, Edoardo Gisolfi, dal CEO del Gruppo Stratego Antonio Vitolo, dal Prof. Stefano Riemma, Delegato al Placement area scientifica Unisa e dal Prof. Paolo Diana, Delegato al Placement area umanistica Unisa.

Quest’anno, come ricordato da Gisolfi, la Borsa e l’hackaton si svolgono in modalità virtuale, a causa dell’emergenza Covid ’19, ma ciò non ha influito sulla grande risposta dimostrata dagli studenti dell’Università di Salerno: grazie all’importante lavoro dell’Ufficio Placement sono state registrate ben 106 richieste di partecipazione. 30 saranno invece i coach, provenienti dal mondo accademico, dell’impresa e dai principali incubatori e acceleratori del Sud Italia, che avranno il compito di seguire e guidare i giovani talenti durante l’hackathon.  La maratona è prevista per i giorni 25, 26 e 27 giugno, e vedrà gli studenti (laureandi e neolaureati di facoltà scientifiche ed umanistiche), impegnati a rispondere alle sfide imprenditoriali proposte dalle aziende partner dell’iniziativa:

L’Agenzia Carisma, attiva con successo nel settore assicurativo grazie all’esperienza di oltre 30 anni del CEO Aurelio Dente, ha chiesto lo sviluppo di un piano di comunicazione per promuovere un prodotto specifico per il risparmio ad un target di età compresa tra 18 e 35 anni e sensibilizzare sulla cultura finanziaria.

Grafica Metelliana, specializzata nella stampa commerciale ed editoriale, ha chiesto di formulare una strategia futura di approccio al mondo del packaging con uno specifico focus sul settore del food, in generale, e del food delivery, in particolare, settore che, più degli altri, sta vivendo un incremento dovuto al cambiamento di abitudini dei consumatori.

I.T. SVIL, società di servizi operante da oltre 15 anni nel campo dell’Information & Communication Technology ha chiesto l’analisi e la progettazione di un sistema che garantisca agli esercenti, colpiti duramente dall’emergenza Coronavirus, la prenotazione e la gestione di risorse/servizi.

Il CEO di I.T. Svil, Carlo Mancuso, si dichiara “orgoglioso di partecipare per la seconda volta alla Borsa Mediterranea Formazione e Lavoro”, e aggiunge: “con il nostro hackathon vogliamo stimolare la mente dei giovani talenti, farli entrare in contatto con la nostra realtà aziendale e con i nostri progetti. Abbiamo bisogno di giovani talenti, e da sempre credo nel valore dei giovani del nostro territorio e nell’importanza di connettere sempre più imprese ed università, al fine di ridurre le distanze e creare occasioni di lavoro profittevoli per tutte le parti. Infine, Carlo Mancuso, rivela ulteriori dettagli sulla sfida preparata per la maratona hackathon: “Nel nuovo quadro economico, e critico, delineatosi dopo l’emergenza Covid 19, I.T. Svil ha sviluppato CiShoppo Marketplace, una piattaforma di e-commerce cittadino che permette agli esercizi commerciali, in particolare agli esercizi di vicinato, di continuare a svolgere il proprio lavoro in sicurezza e di aumentare le potenzialità del proprio business... il resto lo scoprirete in diretta streaming”.

Roberta Esposito

Leggi tutto...

Telefonia: la partnership tra Banca Prealpi SanBiagio e Telcavoip porta al 60% di risparmio sulla telefonia

L’Istituto di credito Banca Prealpi  SanBiagio, una delle top 5 BCC Italiane con un patrimonio netto di 368,6 milioni di euro, ha siglato una partnership con TelcaVoIP International Ltd (www.telcavoip.net), a cui ha affidato la realizzazione dell’intera infrastruttura di telecomunicazioni IP-VoIP per la nuova sede centrale di Portogruaro (Ve), che garantirà un risparmio del 60% sui costi a bilancio per la telefonia e connettività internet.

La prestigiosa partnership, siglata con una delle aziende leader in Europa nel campo delle moderne telecomunicazioni IP-VoIP, garantirà all’istituto bancario un’infrastuttura di telecomunicazioni indipendente ed autonoma basata sulla tecnologia VoIP.

L’istituto di credito, con il proprio management tecnico informatico, ha sposato appieno le innovative soluzioni IP-VoIP proposte dall’azienda di telecomunicazioni londinese, alla luce delle refenze di cui TelcaVoIP International Ltd vanta in tutta Europa (www.paradavisual.com/tecnologia-voip-para-rastreo-y-recuperacion-de-vehiculos-telcavoip).

“TelcaVoIP International è davvero orgogliosa di essere stata scelta quale partner tecnologico da un ente bancario così importante e conosciuto nel triveneto ha affermato Fabrizio Guerra CEO dell’azienda Inglese di Telecomunicazioni, segno che la reputazione che abbiamo saputo costruire con impegno e passione viene riconosciuta ai più alti livelli”

Con questo nuovo prestigioso accordo ottenuto da TelcaVoIP International Ltd, arrivato dopo il recente successo ottenuto al fianco di Regione Lombardia per la gestione del monitoraggio delle auto rubate e dei veicoli inquinanti, TelcaVoIP International Ltd rafforza ulteriormente la propria leadership nelle telecomunicazioni sul territorio Italiano, aggiungendo al proprio portafoglio clienti un’altro marchio di prestigio.

Leggi tutto...

Al via FarSi Rivista, incontri su divulgazione e critica letteraria

La Fondazione Premio Napoli organizza una rassegna su un ciclo di incontri e confronti con le riviste e litblog italiani, ai fini di una riflessione sulla critica e divulgazione letteraria. Il progetto voluto come momento di apertura e dialogo permanente dal presidente della Fondazione Premio Napoli, avv. Domenico Ciruzzi, è curato dalla giurata Chiara Ghidini e dal bookblogger Francesco Morra.

Gli appuntamenti saranno webinar, e quindi esclusivamente online, sugli account social della fondazione, fruibili sia in diretta che in differita e avranno per protagonisti in questa prima fase: Nazione indiana, La balena bianca, Il rifugio dell’Ircocervo, L’indiscreto, minima & moralia, Altri animali e antinomie.

Ogni incontro avrà come protagonista una rivista o blog, con un suo rappresentante di redazione che interloquisce con un esponente della fondazione. Questo primo momento di ascolto partirà giovedì 25 giugno e si concluderà giovedì 16 luglio.

“Questa iniziativa – afferma il Presidente della Fondazione Premio Napoli, l’avvocato Domenico Ciruzzi – rappresenta un importante momento di confronto e dialogo con le riviste letterarie che hanno aderito e che svolgono un ruolo essenziale nella divulgazione della critica letteraria. Mi auguro che questo momento rappresenti l’inizio di un’interazione permanente tra le attività della Fondazione, riviste e blog letterari, a sostegno della cultura e della sua diffusione. Un sentito ringraziamento va alla giurata Chiara Ghidini e al bookblogger Francesco Morra per l’impegno profuso nell’organizzazione della rassegna”.

Il calendario di questi primi sette appuntamenti:

Giovedì 25 giugno ore 14,00  Nazione Indiana
Interviene Andrea Raos  e dialoga con Chiara Ghidini

Venerdì 26 giugno ora 17,00 La Balena Bianca
Interviene  Giacomo Raccis e dialoga con Ermanno Paccagnini

Giovedì 2 luglio ore 17,00 Il rifugio dell’Ircocervo
Interviene Giuseppe Rizzi e dialoga con  Francesco Morra

Venerdì 3 luglio ore 17,00 L’indiscreto
Interviene  Francesco D’Isa e dialoga con Alfredo Guardiano e Chiara Ghidini

Giovedì 9 luglio ore 16,30  Minima & Moralia
Interviene  Simone Tribuzio e dialoga con  Chiara Ghidini

Sabato 11 luglio ore 10,30 Altri animali
Interviene  Leonardo Ducros  e dialoga con Carmen Petillo

Giovedì 16 luglio ore 15,00 Antinomie
Interviene Andrea  Cortellessa  e dialoga con Domenico Ciruzzi , Ermanno Paccagnini e Alfredo GuardianoLA FONDAZIONE PREMIO NAPOLI

La Fondazione Premio Napoli è un Ente morale, costituito con D.P.R. 5 giugno 1961.
Lo scopo della Fondazione è quello di incoraggiare la produzione culturale italiana e, soprattutto, di favorire la lettura e il dibattito culturale e civile nella città, nella provincia e nell’intera area regionale, disponendole e incoraggiandole, con adeguati strumenti organizzativi, al dialogo con il resto del mondo e, in particolare, con i paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

La Fondazione promuove la ricerca nel campo della letteratura e, in generale, delle scienze umane e sociali e si adopera per la promozione dell’immagine internazionale della città di Napoli e dell’intero territorio Campano.

LA STORIA E LE ATTIVITÀ SOCIAL DEL PREMIO NAPOLI

Nato nel 1954, il Premio Napoli ha insignito prestigiosi autori della storia culturale contemporanea. Costituisce un unicum nel panorama culturale italiano, sia perché, a differenza di altri riconoscimenti promossi da privati, è promosso da una Fondazione costituita da soggetti pubblici (Comune di Napoli, Regione Campania, Città metropolitana, Camera di Commercio), sia perché animato da migliaia di “giudici lettori”.

Per coinvolgere un pubblico sempre più social, la Fondazione ha attivato i canali Facebook (che conta più di 6mila iscritti), Twitter (gli hashtag ufficiali sono #PremioNapoli e #PN19), InstagramTelegramLinkedIn e Goodreads, il social network dedicato ai libri. La Fondazione si avvale anche della collaborazione di una vasta rete di bookblogger e booktuber con progetti quali “Blogger leggono il Premio Napoli”.

Leggi tutto...

Palazzo Firrao Napoli al via la rassegna Teatro di cortile

Forme teatrali essenziali, intime, quasi confidenziali animeranno, per quattro settimane, la rassegna nel cortile di un palazzo storico tra i più belli di Napoli.

Il condominio di Palazzo Firrao di Napoli si è costituito in associazione culturale e, come prima “esposizione" pubblica, prenderà il via la rassegna Teatro di Cortile, ideata ed organizzata dal Teatro Pubblico Campano diretto da Alfredo Balsamo.

Il cortile del palazzo storico, tra i più belli del capoluogo partenopeo diverrà, dal 25 giugno al 23 luglio 2020, suggestivo palcoscenico per quattro settimane, ospitando dodici appuntamenti portati in scena da alcuni fra gli attori e i musicisti più rappresentativi della scena partenopea e nazionale.

Teatro di Cortile prova a suggerire come il teatro debba ripensare se stesso insieme con il pubblico, trovando, o semplicemente riscoprendo, una forma di parola e di ascolto nuove e più intense, che traggono forza e significato anche dal particolare e difficile momento storico dello spettacolo dal vivo.

Quanto più insiste il concetto di distanziamento, come consigliato nell’attuale fase di circolazione del virus, tanto più appare necessario immaginare una diversa “vicinanza” tra palco e platea.

Le dimensioni contenute dello spazio scenico hanno mosso il Teatro Pubblico Campano alla creazione di un calendario basato su monologhi, dialoghi e piccoli concerti.

Forme teatrali primarie, intime, quasi confidenziali faranno segno alla prossimità tra palco e platea come condizione necessaria di ogni rappresentazione, ma anche strutture minime e più complesse per l'impegno di attori, registi, musicisti e di tante altre figure professionali, a testimoniare l’originario impegno dietro ogni gesto, ogni parola, ogni suono.

Nel cortile di Palazzo Firrao, nel cuore del centro antico di Napoli, pur nel rispetto di tutte le regole sanitarie vigenti, è come se una piccola comunità di gente, che qui abita e vive, si riunisse di sera in sera tra le mura di una casa aperta, per partecipare e discutere di storie, linguaggi e visioni che non smettono di nascere, e che appartengono a tutti.

Come sempre è accaduto il teatro sospende e dà inizio alla vita. In altre parole, ogni volta che accade, il teatro è principio di vita comune, convivenza, società.

A inaugurare Teatri di Cortile, giovedì 25 giugno, saranno Gianfelice Imparato, Mario Porfito e Alessandra D’Ambrosio, interpreti de L’arte pericolosa della commedia mente? su testi di Eduardo de Filippo, presentato da Fratelli Diversi. In occasione del 120° anno dalla nascita di Eduardo De Filippo, con questa piccola messa in scena s'intende rendere un omaggio al grande drammaturgo.

Martedì 30 giugno, Casa del Contemporaneo presenta Enzo Moscato con i musicisti Paolo Cimmino, Antonio Pepe, Antonio Colica e Antonio Romano, in Modo Minore, per la direzione musicale di Pasquale Scialò. Un viaggio mnemonico-musicale, che, scanzonatamente, ma non senza il rigore dell’attenzione e dell’approfondimento filologico, si muove  nel complesso, e al contempo leggerissimo e giocoso, impero canoro napoletano ed internazionale, relativo agli ultimi tre decenni del ‘900.

La programmazione proseguirà, mercoledì 1 luglio, con Francesca Marini e Massimo Masiello in Verso il mito Edith Piaf per la regia di Gaetano Liguori, presentato da Compagnia Teatro Totò. La donna Edith si confronta con il suo mito, l’immortalità della sua figura e della sua arte con la fine della sua vita umana. Le canzoni, gli uomini, e gli episodi della sua vita si susseguono sulla scena con leggerezza e surrealismo.

Giovedì 2 luglio il palcoscenico sarà per Giovanni Esposito e Susy Del Giudice in Exit (Grazie dei fiori) di Giovanni Esposito, anche regista, e Antonio Marfella, presentato da

La Pirandelliana. La solitudine, i sogni non realizzati, le reciproche accuse e la gabbia soffocante dell’incomunicabilità portano una madre e sua figlia a sfidarsi a colpi di perfida ironia. La loro vita è un goffo passo a due: sarcastico e grottesco, a volte, malinconico e tragico, certe altre.

La terza settimana di programmazione prenderà il via martedì 7 luglio con Scannasurice di Enzo Moscato, con Imma Villa e la regia di Carlo Cerciello, presentato da Elledieffe.
Ambientato dopo il terremoto del 1980 a Napoli, è una sorta di discesa agli “inferi”, di un personaggio dall'identità androgina, nell’ipogeo napoletano, dove abita, all’interno di una stamberga, tra gli elementi più arcani della napoletanità, in compagnia dei topi e dei fantasmi delle leggende metropolitane partenopee

Mercoledì 8 luglio, Nuovo Teatro presenta SUD Andata e Ritorno con Sergio Rubini, al pianoforte Michele Fazio, e, giovedì 9 luglio, Gli Ipocriti presenta Raccontami, di e con Isa Danieli. Il racconto della Danieli donna e attrice che ha attraversato, e attraversa, i generi più diversi delle forme teatrali esistenti. Dalla sceneggiata alla tragedia greca di Euripide e di Eschilo, fino a incarnare le parole di autori contemporanei che hanno scritto per lei.

Due gli appuntamenti in programma per la quarta settimana di programmazione, che inizieranno, mercoledì 15 luglio, con Wrong play, my lord!, che vedrà in scena Arturo Muselli, Margherita Romeo e Alessio Sica, per la regia di Ludovica Rambelli, presentato da Compagnia The Hats. Una singolare rivisitazione di Amleto interamente recitata in inglese, una prova attoriale - tre gli interpreti per otto personaggi in tutto – che si consumerà sul filo dell'azione e di inevitabili, quanto surreali, 'pastiche' linguistici.

Sabato 18 luglio, sarà la volta di Birre e rivelazioni scritto e diretto da Tony Laudadio, con Andrea Renzi e Tony Laudadio, presentato da Teatri Uniti. In un'atmosfera a metà tra riflessione seria e delirio etilico, Andrea Renzi e Tony Laudadio, qui anche autore e regista, ci offrono una rappresentazione acuta e brillante della complessità dei rapporti umani.
L’ultima settimana di programmazione proporrà, martedì 21 luglio, la straordinaria voce di Maria Nazionale in Passione, accompagnata alla chitarra da Aniello Palomba, che interpreterà le più belle canzoni del repertorio della Canzone Classica Napoletana.

Mercoledì 22 luglio, Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro presenta Massimo De Matteo e, al pianoforte, Floriano Bocchino in Fredper la regia di Peppe Miale. Una vita e un successo lampo quella di Fed Buscaglione, finita con altrettanta immediatezza. Una vita tra il fumo dei locali italiani ed europei a interpretare il ruolo del taciturno e imprevedibile cantante da night, un ruolo che forse non gli apparteneva tanto.

A chiudere la rassegna Teatro di Cortile, giovedì 23 luglio, saranno le emozioni e le sensazioni musicali del Quartetto di corde dell’orchestra Di Piazza Vittoriocon i musicisti Kaw Dialy Mady Sissoko, Ziad Trabelsi, Emanuele Bultrini, Pino Pecorelli. Rielaborazione dell’ampio materiale musicale, qui proposto in forma più essenziale, restituendo all'ascoltatore le emozioni e le sensazioni che i musicisti provano quando un’idea e uno spunto di un singolo artista diventa la canzone di tutti i musicisti dell'Orchestra.

Pe maggiori informazioni sulla rassegna Teatro di Cortile sono attivi il numero 0817345210 e l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. I biglietti sono disponibili online sul sito www.teatrofirrao.it e su www.vivaticket.com

 

Leggi tutto...

Penisola Sorrentina, si riparte tra bellezza e green

Per la Fase 2 la Penisola Sorrentina punterà la sua comunicazione sul turismo e la cultura. Di fondamentale importanza sarà il ruolo svolto dalle associazioni e dagli organismi di promozione e produzione, che costituiscono il cosiddetto privato sociale, in sinergia con gli enti pubblici del territorio.

Tra le iniziative di punta della costiera sorrentina spicca ormai, per storicità e prestigio consoildato, il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”.

L’edizione 2020 della kermesse, che celebra i 25 anni di attività, punterà su due concetti chiave:  la cultura e l’ambiente, transitando ed oscillando tra il mondo dello spettacolo e quello della della società civile.

“In quest’anno difficilissimo, all’indomani del Covid-19, occorrerà una profonda riflessione di metodo e di sistema, afferma il patron del Premio Mario Esposito.

“La pandemia ha profondamente mutato il nostro essere e il nostro rapportarci con gli altri. Occorrerà recuperare una esperienza estetica fatta di sensi ma anche di responsabilità, conclude l’organizzatore.

L’iniziativa mostra quindi di essere in linea incessante con la cronaca, oltre che  luogo culturale flessibile e dinamico nelle sue manifestazioni e nel suo concept.

Quest’anno al centro dell’attenzione ci sarà il tema del paesaggio, come segno di identità culturale e della storia del turismo (a partire dal Grand Tour), insieme a quello della bellezza e dell’ambiente, conformemente all’agenda del “Green deal” europeo.

La Costituzione, del resto, ha affidato alla Repubblica la tutela del paesaggio e del patrimonio culturale della Nazione.

Su questo principio riposeranno le iniziative del Premio, da sempre attento alla connessione tra cultura e istituzioni ancora più ancorato alla società e alle sue esigenze. Un vero e proprio servizio pubblico, che non smette di essere presidio di promozione del territorio e portatore di valori di civile convivenza e sviluppo sociale.

Leggi tutto...

Parte la campagna di Bee2Bee.it: creare alveari per salvare il mondo

L’importanza delle api per l’uomo e l’ecosistema

Non tutti sanno che le api sono un elemento costitutivo importantissimo del nostro ecosistema: sono insetti impollinatori, cioè permettono l’impollinazione e di conseguenza la formazione dei frutti, trasportando il polline da un fiore all’altro.

Le api infatti esistono da 4 milioni di anni, ma oggi l’uomo minaccia la loro esistenza, oltre che la propria.

Questo perché le api sono fortemente a rischio per via dei cambiamenti climatici e per l’enorme impatto dell’uomo sull’ambiente.

L’uso di pesticidi in agricoltura e l’aumento dell’inquinamento hanno causato una riduzione enorme nel numero di questi insetti nel mondo.

L’allarme è elevatissimo e ha portato l’ONU ad istituire la Giornata Mondiale delle Api che ricorre il 20 maggio. 

Bee2Bee è l’unico movimento pensato come l’operosità delle imprese, e nasce dalla volontà di proteggere chi di api si occupa da sempre, gli apicoltori, e lo straordinario lavoro che compiono ogni giorno per produrre un miele sano e naturale, nel rispetto e nella tutela della natura.

Bee2Bee (www.bee2bee.it), si compone di una rete nazionale in continua crescita di piccoli e medi apicoltori che ogni giorno mettono in campo sforzi ed energie per portare avanti il proprio lavoro. La rete beneficia di donazioni di privati ed aziende che, a seconda delle esigenze e dei budget a disposizione, sposano uno o più progetti legati al mondo dell’apicoltura sostenibile.

L’intento di Bee2Bee è di connettere ed avvicinare produttori e consumatori, facendoli incontrare fisicamente e creando progetti di comunicazione, corsi e workshop di formazione e di consumo consapevole.

QUI è possibile vedere la “Mappa dei mieli d’Italia“, aggiornata in tempo reale con gli apicoltori che scelgono di far parte della nostra rete.

Un movimento No Profit

Il movimento Bee2Bee è giovane, nato nel 2019, ed è in forte crescita, ed è un progetto di www.milanocity.org, totalmente no profit.

Come verranno utilizzati i fondi

Il ricavato sarà distribuito:

– in parte per l’acquisto dei semi melliferi che distribuiamo nelle buste per incoraggiare la semina di sempre più fiori amici delle api;

– in parte sarà devoluto agli apicoltori della nostra rete per l’acquisto del miele (attraverso i reward);

– in parte per il sostegno dei progetti di comunicazione e sensibilizzazione di Bee2Bee.it.

 

“Sarà nostra del  movimento poi spedire le buste mellifere, ma NON si riceverà direttamente il miele, perché “vogliamo che siano i donatori  ad andare a conoscere l’apicoltore più vicino a te e a ritirare il tuo reward” dicono da Bee2Bee.it

“Cerchiamo, attraverso Bee2Bee, di stimolare il commercio di prossimità e l’acquisto a km 0 dei prodotti agricoli. E poi si avrà così l’occasione di entrare in contatto diretto con lo straordinario mondo dell’apicoltura”, dicono entusiasti gli organizzatori del movimento.

Chi c’è dietro al progetto

Edmondo Jonghi Lavarini è l’ideatore e il fondatore del progetto: amante del miele e delle api ha deciso di impegnarsi in prima persona per sostenere attraverso la sua associazione – Spazio MiA MilanoCity – Bee2Bee.

Francesca Corideo si occupa di comunicazione e scrittura creativa a 360°. Mette a disposizione di Bee2Bee competenze digitali e  passione per la costruzione di percorsi di comunicazione volti a sensibilizzare utenti off e online.

Monica De Mattei è titolare di PRC Srl, agenzia di organizzazione di eventi, e si occupa per il progetto Bee2Bee delle relazioni esterne e del coinvolgimento di progetti educativi intorno al mondo dell’apicoltura per le aziende che sostengono la causa.

 

Il sito web è raggiungibile all’indirizzo www.bee2bee.it, mentre le pagine social sono raggiungibili al link www.facebook.com/bee2bee2bee, e www.instagram.com/bee2bee.it.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS